Competenze organizzative e gestionali: cosa cerca un datore di lavoro?

|

Competenze organizzative e gestionali: cosa cerca un datore di lavoro?

Nella stesura del curriculum vitae bisogna porre attenzione alle diverse sezioni. Esistono differenti formati di curriculum, uno di questi è il formato europeo, il quale presenta più sezioni da compilare con tutte le info richieste.

Tra le sezioni da non sottovalutare rientra quella relativa alle competenze organizzative e gestionali. Si tratta di competenze che possono contribuire ad ottenere la posizione lavorativa che si desidera. Sottolineare le proprie capacità e competenze organizzative può rendere il proprio profilo professionale più attraente, ecco perché è utile capire cosa sono e quali sono queste competenze.

Capacità e competenze organizzative: cosa sono?

Prima di capire come valorizzare il curriculum con queste capacità, vediamo cosa sono le competenze organizzative. Il mondo lavorativo moderno non richiede più competenze esclusivamente nozionistiche, ma spinge i professionisti a sviluppare anche delle competenze trasversali. Se sei interessato a scoprire di più puoi leggere la nostra guida su come sviluppare una rete di competenze trasversali.

Queste capacità sono allora richieste in diversi settori lavorativi. Facendo un confronto tra le competenze ricercate per i lavori più richiesti del momento, potrai notare che molte di queste competenze sono spendibili in professioni anche molto diverse tra loro.

Le capacità gestionali fanno dunque parte delle competenze trasversali di cui dovresti essere dotato. Sono diverse le competenze che rientrano in questa categoria, di seguito troverai alcuni esempi.

Ordine sul luogo di lavoro

La capacità organizzativa più facile da intuire è quella relativa all’ordine della propria postazione di lavoro. E’ stato dimostrato che avere uno spazio di lavoro ordinato – con tutto il necessario facilmente raggiungibile ed il superfluo non a portata di mano – incrementa la produttività.

Per questo motivo dovresti imparare a tenere ordinato il tuo spazio di lavoro. Provare per credere: noterai grandi miglioramenti già dopo i primi giorni di ordine! L’ordine tra l’altro è una caratteristica richiesta in molti settori, soprattutto nei contesti lavorativi in cui ti troverai ad operare insieme a dei colleghi.

Pianificare il lavoro

Una delle competenze gestionali maggiormente richieste è la capacità di pianificare il lavoro. Non esiste settore in cui questa capacità risulti inutile, infatti in tutti gli ambiti professionali ci sono obiettivi a medio e lungo termine da raggiungere che necessitano di una attenta pianificazione.

Pianificare il lavoro significa saper stabilire quali sono le azioni su cui concentrarsi per raggiungere il traguardo finale, ma non solo. Devi imparare infatti anche a stabilire degli obiettivi intermedi, che possono aiutarti a raggiungere l’obiettivo finale.

Lavorando avendo in mente solo il traguardo ultimo può rendere infatti frustrante il lavoro quotidiano. Potresti infatti percepire che il lavoro che fai ogni giorno ed il tuo impegno quotidiano siano inutili, proprio perché il traguardo resta lontano al termine della giornata.

Per questo scegliere dei traguardi intermedi e pianificare il lavoro anche in funzione di questi può incrementare la tua produttività. Scoprirai infatti che il tuo impegno quotidiano porta a dei benefici e raggiungerai l’obiettivo finale con meno sforzo.

Riorganizzare il lavoro in caso di imprevisti

La pianificazione del lavoro è il punto di partenza per una programmazione di successo. Capita spesso però che accadano degli imprevisti, i quali impongono di cambiare il programma e di effettuare una riorganizzazione del lavoro.

Dovrai dimostrare dunque di essere in grado sia di effettuare la programmazione di base del lavoro, sia di saper gestire gli imprevisti. Non dovrai infatti lasciarti intimorire da questi, ma anzi dovrai tentare di sfruttarli a tuo vantaggio, cercando di trovare il lato positivo del cambiamento.

Avere la capacità di focalizzarsi

Tra le competenze gestionali deve essere inserita anche la capacità di focalizzarsi sul lavoro che si deve portare a termine. Sebbene questa possa sembrare una competenza non propriamente organizzativa, è importante parlarne perché è essenziale.

Si è visto inoltre che le persone organizzate tendono anche ad essere quelle che hanno maggior capacità di focalizzarsi e di allontanare le distrazioni. Ridurre le perdite di tempo e le azioni inutili ai fini del raggiungimento degli obiettivi può incrementare la tua produttività, senza che questo richieda un maggior sforzo da parte tua.

Saper lavorare in gruppo

La capacità di lavorare in gruppo è una competenza trasversale molto richiesta. Possiamo parlarne anche nell’ambito delle capacità organizzative, dal momento che moltissimi lavori devono essere svolti all’interno di un team.

Ogni volta che prenderai una decisione dovrai avere la consapevolezza che questa avrà un’influenza non solo sul tuo lavoro. Le tue azioni influiranno infatti anche sul futuro professionale dei tuoi colleghi, perché raggiungerete insieme gli obiettivi.

Perché sono così importanti queste competenze?

Avere competenze gestionali ed organizzative può aiutarti a vincere la competizione con altre persone che desiderano occupare la tua stessa posizione lavorativa. Lo sviluppo delle capacità organizzative – ed in generale lo sviluppo delle competenze trasversali – può rendere il tuo profilo versatile.

Un vantaggio delle competenze trasversali è infatti di non essere spendibili unicamente in uno specifico ambito lavorativo, ma di poter essere sfruttate in diversi settori. Non a caso vengono definite trasversali, ad indicare che sono numerosi gli ambiti in cui possono portare a dei benefici.

Le competenze organizzative ed in generale le soft skills risultano utili per tutti i profili professionali. Ovviamente non potrai farne a meno se il tuo desiderio è ottenere una posizione lavorativa di grande responsabilità, ad esempio un ruolo manageriale. In quest’ultimo caso ti sarà chiesto infatti non solo di saper organizzare il tuo lavoro, ma anche pianificare il lavoro dei tuoi sottoposti.

Le soft skills sono fondamentali sia se stai aspirando ad una posizione in Italia, sia se stai provando ad ottenere un ruolo professionale all’estero. Se non sai quali possano essere i paesi in cui esprimere al massimo le tue potenzialità, ti proponiamo il servizio Global Orientation Test. Con questo servizio potrai capire qual è il paese che fa per te e verso quali aree del mondo dovresti indirizzarti per far prendere il volo alla tua carriera.

Competenze-organizzative-e-gestionali-datore-lavoro

E’ possibile apprendere le capacità gestionali?

Nell’ambito delle capacità gestionali ci sono alcune persone che partono avvantaggiate. Come per tutte le competenze trasversali, in gioco c’è anche una componente genetica. Ciò significa che alcune persone hanno alcune competenze innate, o comunque una predisposizione a sviluppare specifiche capacità trasversali.

Il primo passo consiste dunque nel capire quali sono le competenze per le quali sei maggiormente portato ed eventualmente iniziare a lavorare su queste. Se le competenze organizzative sono già parte del tuo carattere non avrai difficoltà a metterle in risalto e a sfruttarle in ambito professionale, così come in altri ambiti della vita.

Nel caso in cui dovessi notare di non essere dotato di capacità organizzative innate, non disperare. C’è infatti la possibilità di sviluppare le competenze, basta mettersi d’impegno e focalizzarsi sull’obiettivo. Inizialmente potrebbe sembrare difficile – bisogna infatti cambiare il proprio modo di pensare e di approcciarsi al lavoro – ma ne vale sicuramente la pena.

Competenze organizzative e gestionali CV

Una domanda frequente è cosa scrivere come capacità e competenze organizzative nel CV. Inserire queste competenze nel CV europeo è obbligatorio, dal momento che è presente un’apposita sezione volta a raccoglierle. In realtà si potrebbe anche decidere di non scriverle, ma se sono competenze di cui si dispone sarebbe controproducente ignorarle.

Le capacità organizzative dovrebbero essere tenute a mente anche da coloro che hanno deciso di utilizzare un altro formato di curriculum. In tutti i curricula infatti sono disponibili delle aree in cui viene data la possibilità di inserire le competenze. Oltre alle competenze gestionali, si potrebbero inserire ad esempio anche eventuali competenze comunicative, anch’esse molto richieste in diversi ambiti professionali.

Come valorizzare queste competenze nel tuo curriculum

Il metodo migliore per valorizzare queste competenze nel tuo curriculum è scrivere tutte le competenze trasversali di cui sei dotato. Nel caso dovessi renderti conto di avere tante soft skills, potresti sfruttare un’altra strategia per mettere in risalto alcune di esse.

Il consiglio che ti diamo in questo caso è di leggere con attenzione l’annuncio di lavoro. La lettura dell’annuncio viene spesso sottovalutata, invece è fondamentale perché consente di scoprire alcune informazioni davvero utili.

Facendo riferimento all’annuncio ed alla posizione di lavoro per la quale ti stai candidando potrai infatti capire quali sono le competenze trasversali più attinenti. In questo modo potrai evitare di scrivere tutte le tue soft skills, concentrandoti sulle capacità organizzative e sulle altre competenze apprezzate dal datore di lavoro.

Se hai preparato il curriculum e sei pronto ad inviarlo, ma non sai a chi inviare il documento, ti proponiamo il servizio Career Ready. In base alle caratteristiche del tuo profilo professionale, individueremo per te le migliori opportunità di lavoro che si addicono alle tue competenze. Se invece non hai ancora terminato la stesura del tuo CV, ti consigliamo di leggere la guida su come ottenere un curriculum vitae ben fatto.

Oltre ad inserire le competenze trasversali – ed in particolare quelle gestionali – nel tuo CV, le potresti inserire anche nella lettera motivazionale. Il consiglio che ti diamo è di evitare di elencarle tutte anche nella lettera, ma di concentrarti su quelle che ritieni più appropriate all’annuncio lavorativo. La lettera motivazionale deve infatti essere concisa e contenere solo le informazioni migliori che ti riguardano e che ti rendono adatto al posto di lavoro.

Riccardo Spinelli

Dream Big, Do Bigger

Riccardo-Spinelli-Wexplore - Wexplore