L’importanza del lavorare in team efficacemente

|

L’importanza del lavorare in team efficacemente

Sono sempre di più le realtà professionali in cui viene richiesto di lavorare in team. In alcuni settori gli obiettivi si possono raggiungere esclusivamente in gruppo e dunque la capacità di lavorare con gli altri è indispensabile.

Anche i professionisti che svolgono un lavoro autonomo possono però trovarsi in situazioni in cui si rende necessario collaborare con altri. Questo significa che il team work è un elemento che interessa trasversalmente tutte le professioni.

Avere l’abilità di svolgere un ottimo lavoro insieme a dei colleghi diventa allora una di quelle competenze trasversali di cui il professionista moderno non può fare a meno. Effettuare un lavoro in collaborazione con altri può dare notevoli vantaggi e ci soffermeremo anche su questo aspetto.

Cosa significa team?

Prima di vedere i vantaggi del team work e le competenze per poter collaborare con altri professionisti, bisogna capire il significato di team. Questo termine inglese può essere tradotto in italiano con squadra, anche se spesso si ricorre al termine inglese anche nel linguaggio italiano.

Quando più persone formano una squadra per raggiungere insieme lo stesso obiettivo si può parlare di lavoro di squadra. Non tutti sono in grado di diventare membri di un team, non tanto per una difficoltà di integrazione sociale, quanto piuttosto per la difficoltà di mettere al servizio del gruppo le proprie competenze.

Per lavorare in team efficacemente non basta infatti che i membri del gruppo si piacciano a vicenda. L’amicizia o una buona relazione professionale sono degli ottimi punti di partenza, ma da sole non basteranno a raggiungere gli obiettivi. Chi entra a far parte di un gruppo di lavoro deve sapere infatti che ogni sua azione sarà finalizzata al raggiungimento di un obiettivo comune.

Lavoro di gruppo: ecco le competenze necessarie

Chi non ha mai lavorato in team potrebbe trovarsi in difficoltà nel primo periodo, perché gli sarà chiesto di interfacciarsi con altre persone. In alcuni casi il team è composto da specialisti di un determinato ambito, in altri il gruppo è formato da professionisti di settori diversi.

In entrambi i casi sono necessarie alcune competenze, che renderanno più semplice collaborare in maniera efficace con gli altri elementi della squadra. Vediamo di seguito quali sono le principali competenze che vengono richieste ai candidati.

Capacità di comunicare

Per un team work efficace bisogna innanzitutto saper comunicare. A differenza del lavoro svolto in solitaria, per arrivare insieme al traguardo è fondamentale parlare con i colleghi. Il dialogo quotidiano aiuta a confrontarsi sui problemi e a celebrare insieme i successi raggiunti.

Soprattutto quando ci troviamo a lavorare da remoto, le competenze comunicative sono l’olio tra gli ingranaggi di funzionamento del team.

Capacità di gestire lo stress

Quando si lavora in gruppo e si hanno delle scadenze da rispettare è normale che lo stress si faccia sentire. I professionisti moderni devono essere in grado di gestire lo stress e di sfruttarlo per rendere meglio. Uno stress limitato nel tempo può addirittura dare la marcia in più che serve per portare a termine il lavoro.

Lo stress diventa pericoloso – sia dal punto di vista lavorativo che della salute – quando è eccessivamente prolungato nel tempo. Nei casi più gravi si può arrivare alla cosiddetta sindrome da burnout. Questa può colpire tutti i lavoratori, anche se in alcuni ambiti (le professioni sanitarie, ad esempio) l’incidenza è maggiore.

Capacità di lavorare in maniera autonoma

Potrebbe sembrare un controsenso, in realtà per lavorare bene in gruppo bisogna anche saper lavorare in maniera autonoma. Questo non significa impegnarsi esclusivamente per fare i propri interessi e lasciarsi andare a comportamenti individualistici.

Lavorare in autonomia significa piuttosto saper fare da soli il compito che viene assegnato e che serve al gruppo per raggiungere il traguardo. I diversi membri del team metteranno a disposizione ciascuno le proprie competenze, impegnandosi per portare a termine i compiti individuali.

Capacità di organizzare il lavoro

La capacità di organizzare il lavoro interessa sia i professionisti che svolgono un lavoro autonomo, sia coloro che fanno parte di un gruppo. Chi diventa membro di un team non può fare a meno di apprendere delle strategie di organizzazione del lavoro. Questo perché degli errori nell’organizzazione dei compiti e nella gestione delle scadenze possono rallentare l’intero team.

Leadership

Questa competenza non è richiesta a tutti i membri del team, ma a coloro che assumono delle posizioni di comando. In ogni squadra deve esserci un capitano che sia in grado di guidare gli altri membri verso il traguardo.

Il leader deve saper valorizzare i punti di forza di ogni membro della squadra e deve aiutare a superare le debolezze. E’ al capitano che viene affidato il compito di supervisionare sul lavoro svolto dai componenti della squadra ed il leader sarà anche il primo a rispondere in caso di problemi. Si tratta dunque di un ruolo di responsabilità, che viene affidato ad una persona con delle spiccate capacità di leadership.

Vantaggi di lavorare in team

Sono diversi i vantaggi di lavorare in team ed è per questo che oggi viene richiesto praticamente a tutti i professionisti di sapere lavorare in squadra. Conoscere i vantaggi aiuta a comprendere come mai si dia così importanza al team work.

Competenze diverse per un solo obiettivo

Il primo vantaggio consiste nella possibilità di sfruttare competenze diverse. Per raggiungere obiettivi difficili sono necessarie competenze in ambiti diversi e non si può pretendere che una sola persona le abbia tutte.

Il lavoro di squadra dà la possibilità di selezionare i migliori professionisti e di metterli insieme per sfruttare le competenze di ciascuno.  Le diverse competenze in campo e le esperienze di ciascun elemento del gruppo rendono anche più semplice la fase di problem solving. Avere più persone che ragionano sullo stesso problema aumenta la probabilità di trovare una soluzione.

A maggior ragione un’azienda attenta alla diversity e con una forte cultura di inclusione sarà più competitiva, in quanto meglio equipaggiata per far sì che persone con cultura, genere, età, istruzione, settore di provenienza e competenze diverse possano mettere la loro ricchezza al servizio di obiettivi e soluzioni comuni.

Suddivisione equa del lavoro

Un altro punto di forza del lavorare in team riguarda la suddivisione del lavoro. Un buon leader deve sapere come assegnare i compiti ai membri del gruppo, così che ciascuno di essi svolga un lavoro paragonabile a quello degli altri, bilanciando carico di lavoro con le esigenze del business e del team stesso.

Trasformare i dipendenti in … indipendenti

Il lavoro di squadra porta a dei benefici non solo in termini di produttività. Si è visto infatti che negli ambienti di lavoro in cui i gruppi funzionano bene, i dipendenti si sentono coinvolti e partecipi del progetto e dei valori aziendali. Ciò fa sì che i lavoratori si affezionino al ruolo che occupano ed all’azienda alla quale offrono le loro competenze.

Dal punto di vista sociale e personale, sentirsi parte del gruppo è di primaria importanza. È noto e ampiamente dimostrato che dipendenti soddisfatti e felici di lavorare in un ambiente confortevole sono risultati anche più produttivi. Le aziende devono dunque essere brave a coinvolgere i loro dipendenti e a creare una cultura nella quale si possano riconoscere e a cui vogliono partecipare e contribuire attivamente.

Lavorare in squadra: quali possono essere i problemi?

Fino ad ora abbiamo parlato delle competenze necessarie per lavorare in squadra e dei vantaggi che derivano dal team. Va detto però che ci possono essere delle problematiche, le quali devono essere conosciute per poter essere bloccate sul nascere.

Può capitare che per eventi di vario genere i componenti della squadra perdano fiducia l’uno nell’altro. Questo compromette il corretto funzionamento del team e può rallentare il raggiungimento degli obiettivi. Spesso capita che si abbia una perdita della motivazione, che porta uno o più membri a non dare il massimo per il successo della squadra.

Scopri cosa può fare Wexplore per migliorare l’engagement e la produttività del tuo team!

Riccardo Spinelli

Dream Big, Do Bigger

Riccardo-Spinelli-Wexplore - Wexplore